preghiera alla morte

Preghiera per una buona morte. const string = count === 0 E voi mio caro Gesù, voi che per ottenere a me una buona morte, avete voluto vivere lo strazio della croce fino all’ultimo respiro , non m’abbandonate in quell’istante: da ora vi abbraccio, per morire abbracciato con Voi. E vedo che questa suprema considerazione non può svolgersi in un monologo soggettivo, nel solito dramma umano che al crescere della luce fa crescere l'oscurità del destino umano; deve svolgersi a dialogo con la Realtà divina, donde vengo e dove certamente vado; secondo la lucerna che Cristo ci pone in mano per il grande passaggio. Questa è la grande nostalgia della Chiesa e di ogni cristiano: l’attesa dell’incontro con il Signore. La carne non avrà più paura della corruzione, non soffrirà la fame, la sete, le malattie e le avversità. } Ricordo il preannuncio fatto dal Signore a Pietro sulla morte dell'apostolo: « amen, amen dico tibi... cum... senueris, extendes manus tuas, et alius et cinget, et ducet quo tu non vis ». ob.commentCount(document.querySelector("#comment-count-50140987"), { ? Fare lietamente: ciò che ora Tu vuoi da me, anche se supera immensamente le mie forze e se mi chiede la vita. Qui affiora alla memoria la povera storia della mia vita, intessuta, per un verso, dall'ordito di singolari e innumerevoli benefici, derivanti da un'ineffabile bontà (è questa che spero potrò un giorno vedere ed « in eterno cantare »); e, per l'altro, attraversata da una trama di misere azioni, che si preferirebbe non ricordare, tanto sono manchevoli, imperfette, sbagliate, insipienti, ridicole. } « Kyrie eleison; Christe eleison; Kyrie eleison». Ricorda, mestissima Madre, come tra le tue lacrime, sotto la Croce, fosti dichiarata mediatrice dei peccatori. Giuseppe Prezzolini, Come è strano che questa certezza, questa unica certezza, questa unica comunione, sia impotente ad agire sugli uomini, ed essi sono così lontani dalla fraternità della morte. "no comment" Convinciamoci che le tribolazioni sono strumento di salvezza. Infatti la legge della carne lotta contro la legge dello spirito e consegna l’anima stessa alla legge del peccato. Amen. Sapevano infatti che «le cose visibili sono d’un momento, quelle invisibili sono eterne» (2Cor 4,18). Per il forte schiaffo, più che blasfemo, che hai sopportato sul tuo Santissimo Volto da parte di un servitore del sommo sacerdote. 2,7). Sarà per l’anima un utile allenamento alla liberazione dalle cupidigie sensuali, sarà un librarsi verso posizioni inaccessibili alle basse voglie animalesche, che tendono sempre a invischiare lo spirito. Spero, per la vostra infinita misericordia ,di non essere condannato all’ inferno e di essere ammesso alla gloria e alla gioia del Paradiso. Se io sono il figlio delle tue lacrime, possa un giorno essere il figlio della tua gloria. Lo accolga l’Arcangelo San Michele, Principe delle milizie celesti. }). per quel dolore... 25 Luglio 2020 Nomi di Gesù, di Giuseppe e di Maria,sicuro che non mi abbandonerete nel momento della prova, donandomi la forza di resistere ai miei nemici. La morte allora, causa di salvezza universale, non è da piangere. Preghiera a Santa Elisabetta d'Ungheria O Elisabetta, giovane e santa, sposa, madre e regina, volontariamente povera... 17 Novembre 2020 * Il Signore asciugherà le lacrime su ogni volto. Aleteia-pubblicato il 13/11/15. Egli esige poco da noi, però ora e sempre fa grandi doni a coloro che lo amano. Quando i due frati furono davanti a lui, addolorati e piangenti, cantarono il cantico di frate sole e Francesco aggiunse anche alcuni versi su “sorella morte”:  Pertanto Ti offro la mia indegna preghiera, per venerare la tua santissima vita, passione e morte; onoro ogni anno, giorno ed ora della tua vita che hai passato sulla terra per amore dell'umanità perduta e peccatrice. Così, infatti, attesta l’apostolo Paolo: «La nostra patria è nei cieli e di là aspettiamo come salvatore il Signore Gesù Cristo, il quale trasfigurerà il nostro misero corpo per conformarlo al suo corpo glorioso» (Fil 3,20-21): senza dubbio questa carne mortale si trasfigurerà conformandosi alla gloria di Cristo; ciò che è mortale si rivestirà di immortalità, perché: «Si semina debole» e immediatamente «risorge pieno di forza» (1Cor 15,43). Là canteremo a Dio quella lode che, come ci dice la lettura profetica, cantano i celesti sonatori d’arpa: «Grandi e mirabili sono le tue opere, o Signore Dio onnipotente; giuste e veraci le tue vie, o Re delle genti. Dunque andiamo esuli dal corpo per non andare esuli dal Cristo. Sui grani grossi della Corona del Rosario va recitato : " Eterno Padre, io vi offro per il Cuore Immacolato di... 19 Luglio 2020 A dire il vero, la morte non era insita nella natura, ma divenne connaturale solo dopo. ? Coloro che non hanno speranza si affliggono, ma noi che siamo figli della speranza ci rallegriamo. Noi portiamo il sigillo della sua morte, quando preghiamo la annunziamo; offrendo il sacrificio la proclamiamo; la sua morte è vittoria, la sua morte è sacramento, la sua morte è l’annuale solennità del mondo. « Certus quod velox est depositio tabernaculi mei ». Ascolta, o Dio, la preghiera che la comunità dei credenti innalza a te nella fede del Signore risorto, e conferma in noi la beata speranza che insieme ai nostri fratelli defunti risorgeremo in Cristo a vita nuova. Sian perciò confuse e svergognate tutte le legioni infernali e i ministri di satana non osino ostacolare il tuo viaggio. R. E come tutti muoiono in Adamo, così tutti riceveranno la vita in Cristo. Poiché tu solo sei santo. Per lo stesso motivo aveva concesso una variazione a quelle persone che usano la Preghiera alla Corte Celeste più frequentemente. O Maria, Madre ottenetemi la grazia di raccomandarmi in tutti i miei bisogni e per sempre al vostro Figlio, ed a voi. Con la sua morte, con la sua Risurrezione a noi ha fatto dono della vita, perché anche noi diventando figli col Figlio possiamo pregare esclamando nello Spirito: Dolcissima Madre, che tante lacrime hai voluto versare sopra la passione di Gesù e sopra i miei peccati, che ne furono la causa, io ti prego, a nome di ciascuna di queste tue amarissime lacrime, di assistermi in quel momento in cui si dovrà decidere la sorte importantissima della mia eterna salvezza. Madre mia Maria, assistetemi sempre, ma specialmente nella mia morte; frattanto aiutatemi a conservarmi in grazia di Dio. Noi ve ne supplichiamo per il medesimo Gesù Cristo nostro Signore. lo voglio essere totalmente concord e obbediente soltanto alla Sua volonta’. Egli ti assolva da tutti i tuoi peccati e ti collochi alla sua destra, insieme con i suoi eletti. Dalla costituzione pastorale «Gaudium et spes» del Concilio ecumenico Vaticano Il sulla Chiesa nel mondo contemporaneo. : count === 1 La morte che il Figlio di Dio non disdegnò e non fuggì, non è da schivare. «Nihil enim nobis nasci profuit, nisi redimi profuisset ». Si pensi che l’udito è l’ultimo dei sensi a perdersi nel moribondo. La fine! Le benedizioni di Dio siano sopra di te; abbi coscienza della tua natura e della tua missione; abbi il senso dei bisogni veri e profondi dell'umanità; e cammina povera, cioè libera, forte ed amorosa verso Cristo. Gesù, Salvatore del mondo, che nel tuo amore per lui sei disceso sulla terra, accoglilo nella gioia del tuo regno. col tuo nome sulle labbra e con quello di Gesù e Maria. id: 148457847, Il cristiano certamente è assillato dalla necessità e dal dovere di combattere contro il male attraverso molte tribolazioni, e di subire la morte; ma associato al mistero pasquale, come si assimila alla morte di Cristo, così anche andrà incontro alla risurrezione confortato dalla speranza. : "%c" Fatemi scomparire nella vostra divina essenza, nell’eterno bacio dell’unione senza fine e concedetemi allora di vedervi,, di possedervi, di gioire per Voi per sempre.E’ per Voi che il mio cuore languisce,è di voi che ha sete…Fino a quando mio Diletto, attenderò il momento di gioire in voi?…Oh presto strappatemi da questo esilio, il mio desiderio sempre più  forte è quello di conoscervi quale Voi siete, di amarvi con ardore …o mio Diletto, Voi conoscete il desiderio del mio cuore…O Amore, affrettati a soddisfare il mio desiderio. A suo tempo accogli anche noi, dopo che ci avrai guidati lungo il pellegrinaggio terreno fino alla meta da te stabilita. Signore, non ricordare i peccati della sua gioventù; ma, per tua grande misericordia, accogli quest’anima nello splendore. la sua morte venga alla gloria del Paradiso. Il tramonto della vita presente, che sognerebbe d'essere riposato e sereno, deve essere invece uno sforzo crescente di vigilia, di dedizione, di attesa. Gesù è infatti salvezza per noi che viviamo ancora in questo mondo e vita per coloro che lo abbandonano. « Finis venit, venit finis ». Lo stesso Signore che ignora la menzogna esclama: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore vivrà; chiunque vive e crede in me non morrà in eterno» (Gv 11,25-26). La gioia della preghiera return string.replace("%c", count) Per la tua pietosa presentazione davanti a Pilato, il quale con l'espressione: «Ecco l'uomo!» voleva muovere la folla alla compassione. … Uno stato di tensione subentra, e fissa in un atto permanente di assoluta fedeltà la mia volontà di servizio per amore: « in finem dilexit », amò fino alla fine. Nos Te provocamus ad iram, Tu autem conducis nos ad misericordiam ». Davide santo sospirò, più di ogni altro, di contemplare e vedere questo giorno. O Vergine Santissima, sii Tu la speranza, la salvezza di questa creatura! "%c" Anche se siamo nel corpo cerchiamo di non seguire le voglie del corpo. format: (count) => { ? i quali soffrirono per Cristo tormenti sulla terra. E detto questo aggiunse: « Seguimi » (Jo. Spero, per la vostra infinita misericordia ,di non essere condannato all’ inferno e di essere ammesso alla gloria e alla gioia del Paradiso. In quell’ora di mio sommo bisogno, mostrati Madre misericordiosa, in modo che, ponendo l’anima tra le tue braccia, in quel momento il mio angelo custode possa dirmi:”Ecco tua Madre”; e confusi partano da me gli spiriti ribelli, mentre sentiranno dire a mia consolazione: “Donna ecco tuo figlio”. Hoc autem (Jesus) dixit significans qua morte (Petrus) clarificaturus esset Deum. "%c" difendi quest’anima dalle insidie di satana. Baciando la terra, disse: “Ti ringrazio, Signore Dio, di tutte queste mie sofferenze e ti prego, o Signore, che me ne mandi altre cento, se cosi’ ti piace: poiche’ questo mi sarà graditissimo; colpendomi con il dolore tu mi risparmi; mentre l’adempimento della tua santa volonta’ costituisce per me una grandissima consolazione”. E' giunto il tempo di sciogliere le vele (2 Tim. Esercitiamoci, perciò, quotidianamente a morire e alimentiamo in noi una sincera disponibilità alla morte. Per la tua meravigliosa concezione, che ha avuto luogo per opera dello Spirito Santo nel seno verginale della tua eletta Madre e fu annunciata dall'Arcangelo Gabriele. Fa’ invece che veniamo sereni e ben disposti, come chi parte per la vita felice che non finisce mai, per quella vita che è in Cristo Gesù, Signore nostro, al quale sia gloria nei secoli dei secoli. O Santissimo e Misericordiosissimo Redentore! Davvero questo desiderio va nel senso della profezia. rendi a questa creatura meno dolorose le ore della sua agonia. Novembre è il mese dedicato alle anime dei defunti. R. Coloro che si addormentano nella morte con la fede dei padri * avranno una magnifica ricompensa. Tu, sorgente di ogni grazia e nostro indulgentissimo Gesù! Sacramenti; ed intendo da ora di chiedere l’assoluzione delle mie colpe, prima che la morte mi raggiunga.

Collegio Geometri Varese Sito Ufficiale, Appartamenti In Vendita Caserta Zona Mercato, Giovanni 21, 15-23, Maria Antonietta Film Netflix, Catwoman Interpretato/a Da, Matrimonio Isacco E Rebecca, Oracolo Di Santa Monica, Savage Love Testo Traduzione, Basilica San Marco Visita Notturna,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *